Radeon VII, prestazioni

A pochi giorni dall’uscita della nuova scheda video di casa AMD sono disponibili i primi dati in termini di prestazioni, temperature e rumorosità della nuova Radeon VII. Se volete conoscere nel dettaglio tutte le specifiche della nuova scheda video di AMD clicca qui: Radeon VII – Specifiche

Configurazione di prova usata

Processore Intel Core i9-9900K
Scheda Madre Asus Rog Z390 Maximus XI Hero
RAM 2×8 GB DDR4 4133 MHz
Alimentatore Sharkoon Silentstorm IceWind Black 750W
SSD Crucial BX300 480 GB
Dissipatore Cooler Master MasterLiquid Lite 120

Risultati test con i videogiochi Full HD

 

 

 

Come potete osservare dai test svolti la nuova Radeon VII non ha alcun problema a far girare i giochi in FullHD con tutti i dettagli al massimo. Osservando bene ci si accorge che la nuova Radeon VII in molti giochi ha un comportamento molto simile a quello della RTX 2080, quest’ultima che dovrebbe essere la diretta concorrente della Radeon VII.

Risultati test con i videogiochi a 1440p

 

 

 

Anche a 2560×1440 la nuova Radeon VII si comporta molto bene, riuscendo a reggere senza problemi i giochi con tutti gli effetti al massimo.

Risultati test con i videogiochi in 4K

 

 

 

Utilizzando la risoluzione 4k come si può vedere dai risultati la nuova Radeon VII non da risultati particolarmente Buoni, ma comunque si sa che non è 4k il punto forte di questa scheda video. In ogni caso apportando qualche piccola modifica ai dettagli di gioco si riesce tranquillamente a giocare a questa risoluzione.

Consumi e temperature

Veniamo ora a parlare dei consumi di questa Radeon VII. Essa si presenta con un TDP di 300W che fa intuire abbastanza facilmente che richiede molta energia soprattutto quando viene messa sotto carico. Infatti i test mostrano che il consumo del sistema, senza GPU dedicata, in idle era di 39,5W. Mettendo sotto stress la CPU si raggiungevano i 190W. Successivamente inserendo la GPU all’interno del sistema quando si passa dai 35,9W ai 51,6W in idle, mentre quando si mette sotto stress si passa dai 190W ai 370 Watt.

Passando invece alle temperature e alla rumorosità la nuova Radeon non è dotata di una modalità semipassiva, di conseguenza le ventole girano sempre anche a temperature molto basse. Quando essa non viene utilizzata le ventole girano intorno ai 800 RPM, garantendo una certa silenziosità (circa 40 dB). Il discorso invece cambia quando essa viene sovraccaricata, infatti le ventole passano da 800 RPM a 2900 RPM e di conseguenza cambia anche il rumore raggiungendo i 60 dB.

Le temperature invece sono abbastanza buone infatti la scheda sotto stress tocca al massimo i 74 °C.

Conclusioni

La nuova Radeon VII arriverà in Italia al prezzo di 745 € IVA inclusa. Essa si presenta come una soluzione in grado di soddisfare sia le esigenze di gaming sia quelle di produttività. Dunque in ambito da gaming essa è più o meno allo stesso livello della sua concorrente, ovvero la RTX 2080. Mentre in ambito di produttività i 16 GB HBM2 danno un spinta in più, in alcuni frangenti,  rispetto alle concorrenti.

La RTX 2080 si posiziona nello stesso segmento di mercato, con un costo che varia da sotto i 700€ fino ad arrivare a sopra i 900€ a seconda del modello che si sceglie. Dunque in termini di prezzo le due schede sono equivalenti.

Quale scegliere tra le due?

Veniamo dunque alla domanda che si fanno tutti, ovvero: Considerando che hanno lo stesso prezzo quale conviene prendere?. Per rispondere a questa domanda bisogna vedere quale esigenze si hanno.

Infatti se volete acquistare una scheda video che verrà utilizzata principalmente in ambito Gaming, allora la RTX 2080 è quella più adatta. Poiché ha prestazioni simili, è meno rumorosa e consuma meno. Inoltre la RTX è dotata di Ray Tracing, che anche se ancora ci sono pochi giochi a supportarlo, potrebbe essere un buon acquisto per il futuro.

Se invece volete acquistare una scheda video che andrete ad utilizzare principalmente per la creazione di contenuti, tenendo anche un occhio di riguardo al gaming, allora la Radeon VII fa il caso vostro. Infatti come abbiamo già detto i 16 GB HBM2 possono dare una marcia in più in alcune situazioni.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *